…tic tac…

….tic tac,tic tac,tic tac..

..cosa può sembrare questo tic tac,tic tac….forse un’orologio??? si pare proprio di si ed è costante come rumore nella mia testa…si perchè mi fa pensare a tutti i minuti che stanno passano da quando mercoledì sera sei andato via da casa mia,da quando guardandomi negli occhi mi hai detto di stare tranquilla,che non andavi via da me,che non dovevo avere paura e mi hai promesso che se dovevi sparire questa volta me lo dicevi ma che non saresti sparito,non questa volta…ti guardavo e mi sono fidata di te,delle tue parole….mi sono fidata del tuo amore….come avrei voluto che il tempo si fermasse per noi,avrei voluto rimanere abbracciati per ore,con i nostri corpi che si cercavano ancora….

…..ed ecco ancora tic tac,tic tac i minuti non passano come le immagini di noi sono lì davanti ai miei occhi…sento ancora il tuo profumo,ti vedo ancora lì con me,….magia ed ancora tic tac,tic tac….accidenti eccoti in doccia e io che ti guardo,parliamo,sorridiamo…vorrei entrare in doccia…uffa è tardi,che fatica non entrare in doccia ma mi dici che sarà per la prossima volta e io ti dico ok…però davvero gran fatica….ma stare lì a guardarti è stupendo sarei rimasta così per ore,tu in doccia che mi guardi,mi parli mentre l’acqua scivola nel tuo corpo…sai era come se fosse una cosa normale tu in doccia e io fuori a parlarti,normale con un velo di forse imbarazzo….ma l’imbarazzo era dominato dal nostro essere l’uno parte dell’altro e come ti avevo detto poco prima proprio per il nostro essere io parte di te come tu parte di me doveva essere tolto tutto quello che può limitare te come me…lo desidero davvero perchè solo così possiamo darci tutto quello che abbiamo dentro…

…ed ecco ancora tic tac,tic tac…siamo alla porta…è ora devi andare…una stretta al cuore,una paura dentro di me ma tu ancora mi rassicuri,mi abbracci,mi baci e prima di andare via mi ripeti che pensi alla nostra serata,che pensi al mio compleanno….lo sai che vorrei un regalo speciale,lo sai esattamene cosa vorrei….

…ed ecco ancora tic tac,tic tac…sono qui a sentire quel rumore che mi ricorda tutti i minuti uno dopo l’altro che passano lentamente,così lentamente che sembrano non passare mai,ecco qui il tempo sembra fermarsi,eppure mi dico un minuto è sempre formato da 60 secondi eppure perchè sembra così lento???bhè la risposta è banale,ovvio sono i minuti lontani da te,dove non ci sei,non ti sento ed ecco le mie paure si fanno sentire….in questi maledetti lunghi minuti,che poi diventano ore,giorni si formano mille pensieri,domande….come se sei sparito,se mi pensi,se ti manco,se anche te come me ti perdi nel pensare ai momenti che passiamo assieme,se hai bisogno di me,mi chiedo come fai a non chiamarmi se provi tutto questo…sai a volte mi basterebbe anche sentirti per un minuto per stare meglio…

…ed ecco ancora tic tac,tic tac…sono qui a casa e vorrei solo che quel tic tac,tic tac fosse interrotto dal suono del campanello,dal suono del cell….insomma vorrei fosse interrotto da te….sai vorrei adesso vederti,quanto vorrei venissi qui più tardi anche solo qualche minuto….quanto vorrei domani mattina essere svegliata dal campanello e te che mi fai una bella sorpresa…o magari a pranzo un caffè…o…o…o….

                                            ….ed ecco ancora tic tac,tic tac…..

…tic tac…ultima modifica: 2010-11-20T17:59:00+01:00da ale197222
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento